il sapore, il gusto, i sensi...

Caramelle ripiene di ricotta e salsiccia

Caramelle ripiene di ricotta e salsiccia

 

In cucina si sa non si butta via nulla, basta un pò d’inventiva e creatività e si possono presentare piatti con gli avanzi, basta dargli un’altra veste. Questo piatto nasce perchè mi era rimasto un pò del ripieno con cui avevo fatto il polpettone di ricotta e salsiccia (vedi qui) così ho pensato di utilizzarlo per una pasta ripiena. Dovevo dargli una forma e non volevo il tortellino o il classico raviolo così ho pensato a qualcosa che poteva essere invitante e goloso. Ecco, una caramella. Quando guardo mia figlia che scarta la caramella vedo i suoi occhi curiosi attenti dal momento che la apre all’esultanza se è del suo colore e gusto preferito. Trovata la forma e così il gioco è fatto. Pasta all’uovo tirata al mattarello perchè la voglio sottile e con poche mosse creo la forma. Il ripieno è un misto tra il ripieno dei tortellini (solo carne) e dei tortellini (solitamente di ricotta) così li condisco in modo semplice burro e qualche foglia di salvia per dargli sapore e una spolverata generosa di parmigiano. Il sapore vi sorprenderà perchè è delicato e non invadente.

per la pasta
uova 3
farina 00 300 gr.

per il ripieno
salsicce o pasta di salsiccia 300 gr.
ricotta mista 200 gr.
parmigiano reggiano 2 cucchiai colmi
sale
pepe
uova 1

Preparate il ripieno sgranando bene la salsiccia con la forchetta e amalgamarci la ricotta, salate e pepate e unite il parmigiano e  l’uovo. Lavorate bene l’impasto e ponetelo in frigorifero.

Ora dedicatevi alla pasta mettendo la farina a fontana al centro del tagliere, aprite le tre uova e mettetele al centro della fontana. Con una forchetta sbattetele e pian piano prendete la farina intorno fino a quando le uova sono ben assorbite, dopo di che iniziate a impastare con le mani fino a quando tutta la farina non sia stata tutta raccolta, se l’impasto dovesse risultare ancora appiccicoso mettere un pochino di farina 00, al contrario se dovesse essere troppo duro bagnatevi leggermente le mani e riprendete a impastare. Lasciate riposare il panetto almeno una mezz’ora coperto da pellicola o mettetelo in un foglio per alimenti.

Trascorso il tempo infarinate leggermente il tagliere e iniziate a lavorare il panetto schiacciandolo leggermente con il mattarello. Quando sarà un pò steso arrotolatelo sul mattarello allargando la sfoglia.

Una volta ben stesa e sottile ricavate dei rettangoli di sfoglia di ca. 6 cm. x 4 cm. tagliandoli con la rotella dentata. Ora ad uno ad uno inizia il lavoro della forma. Prendete il rettangolo di pasta e ponete al centro una noce di ripieno, ora arrotolatelo sul lato lungo in modo da avere la larghezza della caramella di 4 cm. ora con l’indice schiacciare la pasta da entrambi i lati e poi con l’indice e i pollici schiacciare le estremità. La caramella è fatta, più difficile da spiegare che da eseguire.

Ora ponete le caramelle fatte su un vassoio o su un telaio forato in modo che si asciughino un pò. Proseguite fino ad esaurimento degli ingredienti. Per la cottura calateli in acqua bollente salata e una volta venuti a galla contate un paio di minuti e sono pronti. Conditeli secondo il vostro gusto io li ho serviti con burro fuso, foglie di salvia e parmigiano.