Recent Posts

spaghetti pesce spada e pomodorini

spaghetti pesce spada e pomodorini

Quando tutto questo sarà passato torneremo a quella che chiamavamo normalità, ma non tornerà tutto come prima. Ci accorgeremo che non sarà il mondo ad essere cambiato ma noi, i nostri presupposti, i nostri obiettivi il nostro modo di pensare. Beh, quando tutto sarà passato continua a leggere…

pardulas

pardulas

Quando si pensa ai dolci pasquali si pensa sempre alla Colomba, divenuta ormai il simbolo della tradizione italiana. Ma oltre alla lavorazione di questo gran lievitato esistono un’infinità di dolci di tradizione regionale. Basti pensare alla Pastiera napoletana o alla Cassata siciliana. In Sardegna, più continua a leggere…

crostata con ricotta e marmellata di fragole

crostata con ricotta e marmellata di fragole

Un classico della nostra tradizione, la crostata. Un guscio croccante di pasta frolla, un ripieno morbido con base di ricotta e uno strato abbondante di marmellata, ovviamente fatta in casa.

per la pasta frolla
farina 00 gr. 300
burro gr. 120
zucchero a velo gr. 100
uovo 1 tuorlo 1
un pizzico di sale

per il ripieno
ricotta gr. 300
zucchero a velo 50 gr.
albume d’uovo 1
marmellata di fragole (o quella che preferite) 300 gr.

In una ciotola mettere la farina con lo zucchero e la presa di sale. Aggiungere il burro freddo tagliato a pezzetti e iniziare a sbriciolare, con i polpastrelli, il burro in modo da renderlo sabbioso, unire l’uovo e il tuorlo e amalgamare dapprima aiutandosi con una forchetta poi trasferire il tutto sulla tavola di legno e impastare velocemente

Coprire il panetto con la pellicola e mettere in frigo per almeno mezz’ora. Trascorso il tempo infarinare la spianatoia prelevare 3/4 della frolla e stenderla col mattarello alla misura desiderata. Foderare il fondo di una teglia da 24 cm. con un foglio di carta forno. Ritagliare il disco di pasta frolla della misura del fondo della teglia e sistemarlo dentro dopo di che ritagliare i bordi alti e farli aderire al cerchio, bucherellare la pasta con la forchetta per evitare che in cottura gonfi.

Scolare la ricotta e metterla in una ciotola, unire lo zucchero a velo e l’albume e mescolare molto bene. Versarla sul fondo della tortiera distribuendo bene, dopo di che mettere la marmellata coprendo tutta la superficie.
Con la pasta rimasta creare delle strisce e disporre a losanghe. Infornare a forno già caldo (180°) per ca. 40/45 minuti. Sfornare quando la frolla assume un bel colore dorato e togliere dallo stampo solo quando sarà raffreddata.

 

polipetti in umido con fagioli borlotti

polipetti in umido con fagioli borlotti

Il pesce fa bene, lo sentiamo dire spesso, ma soprattutto è buono. A me personalmente piace in tutti i modi che sia fritto, arrosto, crudo ma se devo trovare il modo più gratificante per cucinarlo penso che la versione in umido sia quella che più continua a leggere…

tarte tatin

tarte tatin

Io sto a casa e andrà tutto bene. Questo lo slogan che diciamo in questi giorni difficili. Oggi fa freddo, piove e nei dintorni nevica, chi lo avrebbe mai detto, nemmeno un fiocco in tutto l’inverno e poi arriva una primavera così. Questo tempo aiuta continua a leggere…

Penne alla crema di peperoni e formaggio

Penne alla crema di peperoni e formaggio

Credo si sia già compreso che la mia passione in cucina è la preparazione di dolci e la pasta fresca, mi gratifica preparare piatti gourmet che necessitano di tecniche e pazienza ma non sempre si ha il tempo di dedicarsi a ricette complicate, tutti i giorni bisogna mettere a tavola qualcosa e il più delle volte sono ricette semplici, quotidiane, molto spesso veloci che però sanno di casa. Questo piatto è facile da eseguire, non fa perdere tanto tempo ed è gustoso.

per 4 persone

pasta corta (adoro le penne) 320 gr.
peperoni gialli 2
formaggio svizzero saporito 150 gr.
olio
aglio 1 spicchio
prezzemolo

Lavare, pulire e tagliare a pezzi piccoli i peperoni. In una padella mettere un filo d’olio, lo spicchio d’aglio tritato e i peperoni e farli cuocere aggiungendo un filo d’acqua e sale. Una volta pronti mettere nel boccale del frullatore ad immersione e frullarli, deve uscirne una crema. In una pentola portare a bollore dell’acqua salata e versare la pasta. Sminuzzare il formaggio. Riprendere la padella dove avete cotto i peperoni e versarvi la crema. Cotta la pasta scolarla (conservare sempre un pò di acqua di cottura) e versarla nella padella, saltarla e aggiungere il formaggio. Con il calore questo si scioglierà e si legherà al tutto. Se nell’amalgamare notate che la pasta si asciuga troppo allungare con un pò di acqua di cottura. Prima di impiattare spolverare il tutto con il prezzemolo tritato.

crema al mascarpone

crema al mascarpone

Un classico della nostra tradizione questa crema la troviamo in tutti i ristoranti. E’ un dolce al cucchiaio goloso per concludere un fine pasto. Buona così in purezza o servita con scaglie di cioccolato, questa crema viene usata per farcire torte o per arricchire una continua a leggere…

Pancake all’avena

Pancake all’avena

In queste giornate da trascorrere in casa di certo non manca il tempo per leggere, studiare, giocare, sperimentare, magari troviamo anche il tempo per annoiarci ma sicuramente mai come in questi giorni abbiamo capito che il tempo è importante. Non ti alzi di fretta prendi continua a leggere…

maritozzi marchigiani

maritozzi marchigiani

Domani è il 19 marzo, festa di San Giuseppe e festa del papà. Come da trazione nelle Marche in questa giornata si mangiano i maritozzi, pagnottelle dolci e morbide di pasta lievitata, arricchite di uvetta e glassati in superficie. La pasta, a parte qualche piccola variazione, possiamo definirla una pasta brioche a lunga lievitazione e veloce cottura. Ottimi a colazione e golosi a merenda sono buoni così in purezza ma anche ripieni di panna, come la versione romana, o nutella.

per il lievitino
farina 00 15 gr.
lievito di birra 7 gr.
zucchero 15 gr.
latte 25 ml.

per l’impasto
farina 325 gr. (metà 00 e metà manitoba)
latte 100 ml.
zucchero 50 gr.
uovo 1
olio semi di girasole o semi 60 ml.
uva sultanina 70 gr.
vanillina 1 bustina

per la glassa
zucchero a velo  60 gr.
acqua calda 10 ml.

Iniziare dal lievitino. Intiepidire il latte e scioglierci il lievito. In una ciotolina mettere la farina e lo zucchero e bagnare con il latte, mescolare per amalgamare il tutto e mettere a riposare per mezz’ora in luogo tiepido. Nel frattempo mettere a bagno l’uvetta per reidratarla. Trascorso il tempo procedere all’impasto, in una ciotola capiente mettere tutti gli ingredienti liquidi, il latte leggermente tiepido, l’olio e l’uovo e mescolare, aggiungere lo zucchero e infine un pò alla volta la farina con la vanillina setacciate. Impastate dapprima con la forchetta e poi con le mani. Scolate e asciugate l’uvetta e unitela all’impasto cercando di amalgamarla uniformemente. Porre in ciotola coperta da pellicola e mettere a lievitare (ca. 2 ore o fino al raddoppio del volume). A lievitazione avvenuta prendere la pasta lievitata ribaltarla sulla tavola di legno (non mettere farina) sgonfiarla leggermente con la punta delle dita evitando di togliere la lievitazione e sporzionare in otto pezzi di ca. 90 gr. ognuno. Dare ad ognuno la forma di un panetto allungato e mettere su una leccarda da forno rivestita di carta ad una distanza l’uno dall’altro di ca. 1,5/2 cm. (se in cottura si attaccano non importa, è una sua caratteristica). Far lievitare ancora una mezz’ora. Accendere il forno a 180° e raggiunta la temperatura infornare per ca. 15′. Preparare la glassa mescolando lo zucchero a velo con l’acqua calda. Una volta cotti i maritozzi sfornarli e lasciarli intiepidire. Con l’aiuto di un pennello spennellare la glassa sulla superficie in più riprese, fate una copertura e una volta asciugata ripeterla almeno tre volte.

parmigiana di zucchine

parmigiana di zucchine

Amo molto la classica parmigiana, la trovo un mix perfetto di sapori, quegli strati di melanzane fritte alternati a sugo e formaggio. Ma il lavoro è lungo e non si ha sempre tempo per ricette elaborate, così come giusta alternativa a volte preparo la versione continua a leggere…